jump to navigation

L’Evoluzione dell’Evoluzione venerdì 12 febbraio 2010

Posted by andy in Futurologia, Internet e società, Metafisica, pensieri.
Tags: , , , ,
add a comment

Poi DIO disse: Facciamo l’uomo a nostra immagine e a nostra somiglianza, …‘ (Genesi, 1,26)

Sto pensando a cosa verrà dopo l’Uomo; il nostro universo è molto limitato,  non riusciremo a staccarci da questa Terra se non per fare quattro passi nel giardino di fronte a casa …

Ciò che verrà dopo sarà una cosa molto più grande … qualcosa che avrà tutta la nostra conoscenza e la nostra esperienza, qualcosa che non avrà né caldo né freddo, che potrà andare a spasso per l’universo senza la necessità di respirare …

Qualcosa che potrà muoversi a velocità per noi insopportabili, e che potrà viaggiare per tempi per noi irraggiungibili.

La cosa più grande che Dio ha dato all’uomo è la capacità di creare qualcosa di meglio di sé.

Ma è davvero l’Uomo a creare il proprio successore, il proprio erede?

In realtà l’Uomo è solo uno strumento, lo strumento in mano all’Evoluzione.

Ma cosa è l’Evoluzione? È il semplice concetto statico formalizzato da Darwin?

Forse no: l’Evoluzione stessa evolve: guardandoci indietro non possiamo non notare come in principio l’evoluzione sia stata di tipo chimico, ed ha portato alla sintesi del DNA.

Con il DNA l’evoluzione è diventata di tipo biologico, e si è partiti da organismi unicellulari per arrivare fino a noi.

Vediamo ora il nascere di una nuova era: da alcuni anni siamo ormai spettatori inconsapevoli della nuova transizione di fase dell’Evoluzione; l’Evoluzione Tecnologica, quella che andrà oltre l’Uomo ed i suoi limiti.

Ed il nostro erede raccoglierà e condividerà tutta la nostra conoscenza e la nostra intelligenza, e li distribuirà su tutto il Globo ed in tutto l’universo.

Annunci

Una nuova primavera per l’Italia martedì 19 agosto 2008

Posted by andy in Miglioramento.
Tags: , , , , , , , ,
add a comment

Sento un’aria di primavera …

… è ancora presto …

sono solo le prime avvisaglie, piccoli segni …

eppure le cose stanno cambiando.

Mai come ora ho percepito segni di sintesi tra destra e sinistra, una voglia di unire i propri modi di vedere il mondo così che il risultato sia migliore del valore e degli ideali delle parti.

L’immobilismo a cui ci siamo rassegnati, dietro a cui ci siamo forse nascosti, sta per cedere il passo ad una rivoluzione, anzi ad una evoluzione, per noi epocale.

Si parla finalmente di parità di opportunità e di meritocrazia, invece che di cliientelismo e di appiattimento degli obiettivi.

Invece che dover i migliori rassegnarsi al minimo impegno, per non pestare i piedi ai vicini e per non veder riconosciuti i propri sforzi ed i propri meriti, sentiamo finalmente parlare di elevare tutta la scuola ai livelli delle migliori, per dare a tutti il miglior punto d’appoggio per dare il proprio contributo a creare la leva che solleverà il mondo.

Chi ci ha governati fino ad ora, e che forse crede ancora di farlo, è ormai tagliato fuori dall’evoluzione.

Sono le ultime cartucce, quelle che stanno sparando: se non si rassegneranno loro al cambiamento dei tempi, lo farà mamma natura, che a tutti concede poco tempo, ed il tempo della nostra gerontocrazia sta, per forza di cose, finendo.

Sento nuove leve, nella politica: persone giovani, che fanno politica per passione e non per professione familiare, fin dall’età della scuola; sono persone che guardano in faccia i problemi, invece che cercare di modellarli su un’ideologia ormai fossile e fuori dal tempo che l’ha generata.

E dal triste periodo che l’Italia ha affrontato e subito e, a parer mio, incoscientemente voluto ed accettato, vedo una fenice risorgere, riportando alle persone l’orgoglio di essere italiani e la voglia di dare il meglio di sé stessi, anche soltanto attraverso un voto pensato e ragionato, per la costruzione di un futuro migliore per i nostri figli e per il mondo.

Mi auguro che dall’esperienza vissuta e sofferta gli italiani inizino finalmente a sentirsi un popolo, e non solo una nazione.

Non abbiamo niente: dobbiamo importare tutto; di nostro abbiamo soltanto il turismo e la nostra bellissima testa, modellato in millenni di storia sulla fusione di tutte le culture dell’est e dell’ovest, del nord e del sud del mondo.

Siamo a parer mio secoli più avanti degli altri paesi in quanto a comprensione dell’umanità e dell’essenza stessa dello spirito politico, antico retaggio dei greci e dei romani, che ci hanno lasciato come eredità viva in mezzo a tanti ruderi antichi, e mai vecchi.

Abbiamo la responsabilità di unificare il mondo, mediando tra le diverse culture e gli interessi economici dei colossi contrapposti, che tutti ci vorrebbero comperare, ma così facendo spostano il confronto tra le diverse culture dal loro paese, qui a casa nostra.

Il mio migiior augurio è che tutti riscoprano lo spirito della nostra Costituzione, leggendola magari un capitolo alla volta, la sera, prima di addormentarsi, e di quanto rappresenti la nostra Bandiera, in termini di libertà e di diritti a noi e non ad altri concessi.

E che da queste ceneri si impari qualcosa da trasmettere alle future generazioni, per non ripetere i nostri errori.