jump to navigation

Intel e l’acqua calda giovedì 2 dicembre 2010

Posted by andy in tecnologia.
Tags: , ,
trackback

Intel ha integrato 32 core XEON nei many-core Knights Ferry.

L’obiettivo è tuttavia quello di raggiungere anche il migliaio di core in un unico chip; per farlo vuole rinunciare alla coerenza della cache, che di fatto si traduce in un collo di bottiglia quando il numero di core cresce sopra qualche unità.

Di fatto, vuole realizzare una rete di microprocessori.

Sembra che Intel abbia inventato l’acqua calda: a volersi guardare un po’ indietro, negli anni ’80, esistevano già dei gioielli della INMOS chiamati Transputer.

L’unica differenza è che oggi, a distanza di più di 20 anni, la tecnologia consente ad Intel di integrarne molti su un unico supporto.

 

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: