jump to navigation

Il mercato dell’usato mercoledì 14 ottobre 2009

Posted by andy in Internet e società.
Tags: , , , , , ,
add a comment

La lotta senza quartiere delle major verso la condivisione non controllata dei contenuti soggetti a copyright potrebbe (e a parer mio avrà) un effetto che è stato finora poco considerato, ma che potrebbe avere un effetto catastrofico sulle vendite.

L’aspetto in esame è quello del mercato dell’usato.

Recentemente legalizzato (in qualche modo) da una sentenza (credo americana), occorre che le major riconoscano ed accettino che può esistere e che è assolutamente legale un mercato dell’usato anche per i prodotti digitali.

Quello che valeva un tempo (e vale tutt’ora) per i dischi, i DVD ed i libri, è altresì valido per le licenze d’uso acquistate, per software, musica, video, testi digitali …

Se le major cercano di spremere troppo il mercato (cosa che di fatto stanno facendo)), si troveranno a dover affrontare un problema ben più grosso di quello di cercare di recuperare qualcosa dal circuito digitale: si scontreranno contro il fatto che potranno recuperare soldi soltanto dalla vendita del nuovo, mentre l’usato verrà liberamente (e legalmente) scambiato su Internet, per soldi o sottoforma di baratto.

Il limite di EBay, per cui può convenire comperare qualcosa il cui valore non giustifica neppure il costo di spedizione (e, perché no? anche il tempo di attesa della merce), è totalmente superato dallo scambio di licenze via Internet.

Il mercato dell’usato virtuale sta per aprire …
… a quando i saldi di fine stagione …?

Annunci

Vendere qualità mercoledì 14 ottobre 2009

Posted by andy in Internet e società.
Tags: ,
add a comment

Continua il conflitto tra major ed il popolo della Rete sul problema della protezione del diritto d’autore.

Pare che non si riesca a trovare una mediazione tra l’utilizzo del DRM più restrittivo e la condivisione selvaggia.

Eppure una mediazione deve essere trovata, anche perché è da sciocchi non riconoscere che le tecnologie di condivisione saranno sempre più un elemento fondamentale per la circolazione dell’informazione nel futuro.

A parte l’ovvia riserva per qualsiasi diritto di sfruttamento commerciale, i detentori dei diritti potrebbero attribuire un valore proporzionale alla qualità della riproduzione.

Se osservate, la stragrande maggioranza di contenuti che circola, più o meno piratata, è disponibile in qualche formato compresso, rippato, o in altro modo ‘ritagliato’ (DVD a cui sono stati rimossi i contenuti aggiuntivi, le tracce audio in altre lingue, i sottotitoli, etc.), ma anche la carta e la stampa per i testi dei libri …

Occorre anche contare che il costo produzione e di ‘trasporto’ del prodotto sta tendendo sempre più a zero, con l’utente finale che paga connettività, CD, masterizzatore, stampa delle etichette, etc.

Personalmente immagino un modello in cui il costo per la riproduzione sia legato sia alla bit rate / risoluzione, sia alla quantità e qualità dei diritti che vengono concessi.

Si potrebbe quindi immaginare una distribuzione libera sotto certi livelli di qualità, che di fatto sono un efficacissimo canale di marketing.

Il diritto a riprodurre 1, 2, … infinite volte un’opera potrebbe essere compensato con una funzione che preveda sconti quantità, fino ad un importo massimo per la riproducibilità illimitata.

Perché questo approccio?
Ebbene, l’ormai pressoché infinita disponibilità di contenuti sta portando il mercato (nonché il tempo e le orecchie degli utenti!) a saturazione.
Non è possibile pensare di vendere infinite volte infinite cose; il budget (in termini di tempo e di denaro) del mercato non è infinito.

Sono convinto che gli utenti stiano recuperando con il tempo (e con la disponibilità di tecnologie di qualità a prezzi sempre inferiori) il piacere di ascoltare bene la musica e di vedere sul grande schermo e con un buon audio un film; anche leggere un libro ben rilegato dà un piacere che non trova equivalenti nella lettura online o nella stampa a casa o in ufficio.

La libera circolazione di prodotti di qualità ridotta potrebbe sostituire i vecchi trailer, promuovendo di fatto l’acquisto delle versioni di buona qualità da potersi gustare appieno, magari in compagnia (e con un bel cartoccio di popcorn in mano!).

L’altro aspetto interessante è che si tornerebbe a promuovere la qualità degli autori, in quanto sarebbero quelli più ‘gettonati’, soprattutto nelle versioni di qualità superiore.